23 Novembre 2023

TRE PROPOSTE DI GOVERNANCE DEI DISPOSITIVI MEDICI PER CANCELLARE IL PAYBACK

Boggetti (Confindustria DM): il payback porterà il 58% delle aziende a ricorrere a licenziamenti nei prossimi 4 anni. Necessario agire oggi per rendere sostenibile ed efficiente il SSN

 

Arezzo, 23 novembre 2023 – Offerta sanitaria programmata per patologia, allocazione delle risorse sulla base dei bisogni di salute, introduzione controllata dell’innovazione. Sono queste, in sintesi, le proposte di Confindustria Dispositivi Medici presentate oggi alla XVIII edizione del Forum Risk Management di Arezzo per superare il meccanismo del payback. Proposte che sono confluite nel tavolo di lavoro Gutenberg composto da esperti del settore per una nuova governance dei dispositivi medici.

“Chiediamo da tempo nuove regole di governance del settore – ha dichiarato il Presidente di Confindustria Dispositivi Medici, Massimiliano Boggetti – che si basino sulle reali esigenze della popolazione e siano tarati sull’analisi dei fabbisogni per un migliore investimento delle risorse pubbliche nell’interesse dell’intero sistema Paese. Ci auguriamo che il Tar si esprima quanto prima sul payback e che metta in luce l’incostituzionalità di questa norma, aprendo la strada al superamento della stessa”.

Secondo l’indagine del Centro Studi di Confindustria Dispositivi Medici sull’impatto del payback sulle imprese del settore, presentata oggi al Forum Risk Management, l’incertezza generata dalla norma ha causato una situazione di stallo per un’industria innovativa: il 61% delle aziende ha bloccato le assunzioni, mentre il 31% ha ricorso a licenziamenti. Sono inoltre 4 aziende su 10 ad aver ridotto gli investimenti in ricerca e sviluppo, mentre il 27% ha avviato procedure di cassa integrazione. Ma non solo, la situazione di incertezza legata alla possibilità di pagare lo sforamento del tetto di spesa delle Regioni, ha un impatto diretto sulla sanità pubblica e sulla qualità tecnologica dei dispositivi medici disponibili destinati alla cura del cittadino: è infatti più della metà delle aziende (61%) ad astenersi dalla partecipazione alle gare pubbliche, limitando al mercato privato le soluzioni più avanzate (54%) privando, di fatto, la stragrande maggioranza degli italiani delle migliori tecnologie disponibili e limitando gli investimenti nella formazione della classe medica (54%). E nel futuro la situazione non migliorerà: di qui al 2028, 8 aziende su 10 limiteranno l’uso di tecnologie avanzate nelle gare italiane, 7 aziende su 10 dichiarano di prevedere di rivolgersi prevalentemente ai mercati esteri e la riduzione delle assunzioni riguarderà il 72% delle imprese.

“Il comparto dei dispositivi medici – ha continuato il Presidente Boggetti – rappresenta uno dei settori con maggiori potenzialità di crescita e capacità di attrarre investimenti esteri. In quanto tale, dovrebbe essere considerato settore di importante rilevanza strategica. Oggi più che mai si rende necessario un cambio di paradigma del sistema salute, tenendo conto delle peculiarità del settore nonché delle evoluzioni attese nel prossimo futuro, attraverso la concretizzazione di una nuova governance fondata su pilastri identitari chiari e ben definiti”.

In particolare, si basano su tre pilastri le proposte di Confindustria Dispositivi Medici per una governance del settore che superino il payback pur guardando alla sostenibilità economica del SSN. Nello specifico, è fondamentale un cambio di approccio nella programmazione dell’offerta sanitaria non più incentrata sulle singole prestazioni ma per patologia. In secondo luogo, la programmazione sanitaria dovrebbe allocare le corrette risorse sulla base dei fabbisogni di salute e non sui tetti di spesa. Ancora, l’innovazione tecnologica andrebbe valutata attraverso l’Health Technology Assesment (HTA), garantendo percorsi accelerati di introduzione dell’innovazione. Infine, il public procurement non dovrebbe essere più basato su gare centralizzate al prezzo, ma su una rivalorizzazione del ciclo di acquisto misurando i reali impatti sulla salute e sui processi di salute dei beni e dei servizi acquisti.

 

 

Confindustria Dispositivi Medici

Confindustria Dispositivi Medici è la Federazione di Confindustria che rappresenta le imprese che forniscono alle strutture sanitarie italiane, pubbliche e private, dispositivi medici. Rappresenta un tessuto imprenditoriale variegato e specializzato, dove le piccole aziende convivono con i grandi gruppi. Il comparto dei dispositivi medici complessivamente genera un mercato che vale 17,3 miliardi di euro tra export e mercato interno e conta 4.449 aziende, che occupano 118.837 dipendenti.

 

Contatti per la stampa

Sara Robibaro – Confindustria Dispositivi Medici

E-mail: robibaro@confindustriadm.it – mobile: 393.9976490

 

Community Group

Titti Ioia – Community

E-mail: titti.ioia@community.it – mobile: 331.7194998

Giulia Vaccaro – Community

E-mail: giulia.vaccaro@community.it – mobile: 342.0865017

Skip to content